Abruzzo: cosa vedere e dove andare in vacanza

Questa guida non è come le altre. In queste pagine puoi trovare i racconti e i commenti delle persone che hanno effettuato dei viaggi in Abruzzo. Le cose da vedere sono molte di più di quelle che abitualmente si è soliti ricordare a memoria, per questo abbiamo raccolto 20 posti indimenticabili che meritano di essere visti passando per l’Abruzzo o organizzando una vacanza qui, all’interno di questi confini.

Posti magici da vedere in Abruzzo, tutti luoghi che non aspettano altro di essere scoperti e che vi lasceranno letteralmente a bocca aperta!

Se vi piace viaggiare low cost e siete alla ricerca di posti insoliti in cui dormire a basso costo, allora lasciatevi ispirare dai nostri suggerimenti per pianificare la vostra vacanza estiva, tra spiagge e vette Abbruzzesi oppure un viaggio relax per il prossimo autunno e inverno!

Accedi al blog viaggi -

 infiniti consigli per una vacanza fuori dagli schemi

vacanza in Abruzzo

Invia il tuo racconto della tua vacanza in Abruzzo

Abruzzo  Hotel, b&b, campeggi, appartamenti, casa vacanze, agriturismo

Dove dormire in Abruzzo

Blog racconti dell'Abruzzo

 

L'Abruzzo è una regione italiana che si trova a est di Roma, tra l'Adriatico e gli Appennini. L'entroterra è costituito per la gran parte da parchi nazionali e riserve naturali. La regione comprende anche paesini medievali e rinascimentali abbarbicati sulle colline. Il capoluogo di regione, L'Aquila, è una città cinta da mura, danneggiata dal terremoto del 2009. La Costa dei Trabocchi, con calette di sabbia, prende il nome dai tradizionali pontili per la pesca.

Ecco 20 cose da vedere in Abruzzo.

1. Rocca Calascio

Raggiungetela attraverso le pittoresche stradine che si inerpicano tra le rocce e ammirate il Castello, tra i più elevati d'Italia. Immersa nel Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, la suggestiva fortificazione medievale, la cui costruzione risale all'anno Mille, regala un bellissimo panorama.

2. Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

l massiccio roccioso del Gran Sasso si distende nell'Altopiano di Campo Imperatore ed è fasciato sul versante settentrionale da magnifiche faggete. I Monti della Laga sono invece spettacolari a primavera grazie soprattutto all'abbondanza di acque. Se visitate l'Abruzzo non potete perdervi il terzo Parco Nazionale più grande d'Italia, con le sue interessanti specie, dal camoscio d'Abruzzo al lupo appenninico, i rinomati impianti sciistici o il nuovo Gran Sasso Adventure Park. I

3. Santo Stefano di Sessanio

Nelle belle giornate potrete fare quattro chiacchiere con i pochi residenti che si trovano a condividere, al sole, la tranquilla atmosfera del posto. Simile a un presepe silenzioso, Santo Stefano di Sessanio emerge, con le sue architetture trecentesche, dal cuore del Parco Nazionale del Gran Sasso-Monti della Laga. Il suggestivo borgo medievale "sorvegliato" dalla torre quattrocentesca, caratterizzato da un dedalo di stradine tortuose tra case in pietra e palazzetti rinascimentali si trova a una trentina di chilometri dall'Aquila.

4. Grotte di Stiffe

Formatesi circa 600mila anni fa e situate in provincia dell'Aquila, nel piccolo centro di San Demetrio ne' Vestini, le Grotte di Stiffe caratterizzano un mondo inaspettato attraversato da laghi neri, cascate e corsi d'acqua impetuosi. Una passeggiata di circa 700 metri - da percorrere preferibilmente ben coperti - conduce alla scoperta di uno dei fenomeni carsici più spettacolari in Italia.

5. Lago di Scanno

 È stata una frana precipitata dal Monte Genzana a sbarrare la Valle del Sagittario dando origine a questo lago, il più visitato d'Abruzzo, a circa un'ora da Roccaraso.  Dopo una sosta per il birdwatching, raggiungete il vicino borgo di Scanno per una passeggiata in questo suggestivo centro medievale che conserva ancora una fiorente tradizione di merletti al tombolo.

6. Eremo di San Bartolomeo in Legio

Costruito in un periodo antecedente l'anno Mille, questo piccolo convento nei pressi di Roccamorice, sembra emergere dalla roccia come una preziosa sorpresa. Per chi desiderasse trascorrere un weekend in solitudine, l'Eremo di San Bartolomeo in Legio, a una cinquantina di chilometri da Pescara, è la meta perfetta per staccare la spina, cullati dal silenzio dei boschi della Majella.

7. Castello Piccolomini di Celano

 Approfittate della visita alla fortezza che domina la Piana del Fucino per assaporare un'atmosfera fuori dal tempo. Attualmente sede del Museo Nazionale d'Arte Sacra della Marsica, il Castello Piccolomini sarebbe stato costruito nel 1392.

8. Alba Fucens

Cercate di individuare i resti degli edifici prima di raggiungere, a Rosciolo, la vicina Chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta. Non lontano da Celano, il sito archeologico di Alba Fucens, a pochi chilometri da Avezzano, conserva ancora quasi del tutto intatta la struttura dell'antica colonia romana fondata nel 304 a.C. ai piedi del Velino. 9. Costa dei Trabocchi

L'Abruzzo è anche mare, con oltre cento chilometri di costa che racchiudono scogliere, arenili, fresche pinete. In particolare, la costa adriatica, nel tratto della provincia di Chieti, conosciuta come "Costa dei Trabocchi" - per le caratteristiche macchine da pesca situate al largo della costa - è il posto perfetto per una fuga romantica.

10. Cocullo

Visitate il piccolo centro a circa un'ora dall'Aquila, al confine della Valle Peligna con la Marsica, in occasione della "Festa dei serpari", che si celebra il 1° maggio. Si tratta di un rito antichissimo, ispirato ad un antico culto pagano, durante il quale la statua di San Domenico - che secondo la tradizione avrebbe il potere di guarire dal morso dei serpenti - viene portata in processione ricoperta da rettili.

11. Calanchi di Atri

Dopo aver ammirato le impressionanti formazioni geologiche dei calanchi, note anche come "bolge dantesche", approfittate per fare una passeggiata tra i caratteristici vicoli di Atri, a una cinquantina di chilometri da Teramo. La Riserva Naturale Regionale, Oasi WWF, è un'area naturalistica sempre aperta e visitabile seguendo percorsi diversi per difficoltà.

12. Campo Imperatore

 Le cime che lo circondano - la Scindarella, il Monte Portella, il Corno Grande, il Monte Prena - regalano un panorama che lascerà a bocca aperta gli appassionati dell'alta quota. L'altipiano comunemente definito "piccolo Tibet" si raggiunge salendo da Assergi per il valico della Fossa di Paganica, dal borgo medievale di Castel del Monte per il valico di Capo la Serra, oppure da Farindola per il Vado di Sole.

13. Sulmona

Particolarmente famosa e nota in tutto il mondo, la produzione dei confetti, risalente alla fine del XV secolo. Oltre ad essere famosa per aver dato i natali a Ovidio nel 43 a.C., Sulmona, con le sue antiche mura, le porte, le chiese e gli antichi palazzi, con la quattrocentesca Fontana del Vecchio è una cittadina elegante che vale la pena visitare.

14. I mulini del Lago di Capo d'Acqua

Ammirare i due mulini sommersi del Lago artificiale di Capo D'Acqua, bacino privato all'interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. La visita, rivolta esclusivamente ai sub, consente di  In prossimità di questo lago, alimentato da diverse sorgenti, furono realizzati, in età medievale, un colorificio - ancora visibile in superficie - e due mulini, oggi sommersi, ma raggiungibili dai subacquei in possesso di brevetto grazie alle immersioni gestite dall'Associazione sportiva Atlantide scuola sommozzatori.

15. Fortezza di Civitella del Tronto

 Mentre passeggiate per le chiese di Civitella, cercate la "ruetta", la via più stretta d'Italia, per una foto divertente. Con la rocca aragonese, le vaste piazze d'armi, le cisterne, i camminamenti di ronda, la Chiesa di San Giacomo e le caserme dei soldati, la Fortezza di Cividella del Tronto, a circa 18 chilometri da Teramo, è una delle più grandi e importanti opera di ingegneria militare d'Europa.

16. Valle dell'Orfento

Per percorrere l'itinerario, di circa due ore, è necessario ritirare l'autorizzazione presso il Centro Visita di Caramanico Terme. Il suggestivo vallone che dalle vette del Massiccio della Majella scende fino a raggiungere l'abitato di Caramanico Terme, prende il nome dal Fiume Orfento. Un'intricata rete di sentieri percorre la valle accessibile da due punti. Dall'abitato di Caramanico Terme partono i due sentieri per il Ponte del Vallone e per le Scalelle, mentre a valle del paese si può accedere dal ponte sulla strada statale.

17. Basilica Santa Maria di Collemaggio

 Fondata nel 1288 per volontà di Pietro da Morrone, qui incoronato papa con il nome di Celestino V, è considerata la massima espressione dell'architettura abruzzese, oltre a essere sede di un giubileo annuale noto con il nome di Perdonanza Celestiniana. Seriamente danneggiata dal sisma del 2009, sottoposta a un restauro durato anni, la Basilica di Santa Maria di Collemaggio è uno dei simboli dell'Aquila.

18. Abbazia di San Giovanni in Venere

 Una preziosa abbazia il cui monumentale prospetto accoglie il trecentesco Portale della Luna con rappresentata la vicenda della vita del Battista. La primitiva chiesa fu edificata dai monaci benedettini tra il VI e il VII secolo sui resti di un tempio pagano dedicato a Venere.A soli due chilometri dal centro di Fossacesia, in provincia di Chieti,

19. Parco Nazionale d'Abruzzo-Molise

 Dal 1922, data della sua apertura, il Parco Nazionale d'Abruzzo attira milioni di visitatori con il fascino scaturito dallaspra orografia delle montagne, della fauna, dei sentieri-natura che d'inverno si trasformano in itinerari sciistici. Scanno, Pescasseroli, Villetta Barrea, Lecce dei Marsi, Civitella Alfedena sono alcuni dei centri abruzzesi parte del Parco.Tracce di orsi, impronte di lupi, sagome dei camosci tra le rocce.

20. Necropoli di Fossa

Per ammirare Abruzzo protostorico, basta visitare questa necropoli portata alla luce a partire dal 1992, e che ricopre un arco cronologico di quasi un millennio.

 

 infiniti consigli per una vacanza fuori dagli schemi